Home page
Mappa locale
Istruzioni

Version française
English version
Immagine più grande

Monte Faroma

   

Collegamenti disponibili:
Becca di Fontaney
Becca di Nona
Cima Bianca

09/09/2008. Quota m 3073. Testo e foto di Alfonso Bertazzi.
Il Monte Faroma si eleva sulla dorsale che divide la Valpelline dalla Valle di St-Barthelemy.
Dall'aspetto di larga piramide con scoscesi versanti di rocce friabili, offre un accesso relativamente semplice per la cresta Nord-Est, dal Colle Vessona (m 2783). La presenza del Bivacco Rosaire e Clermont (m 2700) permette di spezzare in due giorni una salita comunque effettuabile in giornata. Sono possibili due itinerari dalla Valle di St-Barthelemy. Il primo parte da Lignan (m 1633) e risale il vallone del torrente Chaleby su sterrata fino alle baite di Champanement (m 2318) e poi per sentiero fino al bivacco. Il secondo parte da Porliod (m 1876), sale attraverso il bosco fino alla Alpe Tsa de Fontaney (m 2302), raggiunge in rapida successione i due colli Du Salvé (m 2550) e Chaleby (m 2653), quindi si abbassa nel vallone del torrente Chaleby ricongiungendosi con l'itinerario precedente. Dal bivacco si tocca il Colle Vessona e si rimonta a sinistra la cresta, dapprima larga e detritica poi più stretta ed aerea, fino a quando questa diventa verticale. Da lì si prosegue aggirando sulla sinistra l'ostacolo e, seguendo gli ometti, avanzando lungo il versante di St-Barthelemy in prossimità della cresta. Le difficoltà non superano il I grado. Giunti ad un canale di rocce rotte, lo si risale fino alla cresta e in pochi minuti si arriva agevolmente alla croce di vetta.