Home page
Mappa locale
Istruzioni

Version française
English version
Immagine più grande

Punta Battagliola

   

Collegamenti disponibili:
Colle Bicocca
Pan di Zucchero
Pelvo d'Elva
Rocce Meano

28/08/2004. Quota m 2401. Testo e foto di Andrea Rolando.
Superato il paese di Casteldelfino, abbandoniamo la provinciale per il Colle dell’Agnello e imbocchiamo la strada che risale la Val Varaita di Bellino. Poco oltre l’abitato di Chiesa, in corrispondenza di un tornante, si diparte una strada sterrata, molto stretta e dal fondo talvolta sconnesso, percorribile in auto o in mountain-bike. Questa strada (che supera un dislivello di 800m in meno di 7 km) fu realizzata nel 1938 dai soldati del battaglione Aosta per servire le batterie di Punta Cavallo e Punta della Battagliola, in grado di difendere la Val Varaita e di controllare la linea di confine.
Questi luoghi furono teatro di terribili scontri tra l’esercito sabaudo e le truppe franco-spagnole, che si fronteggiarono durante la Guerra di Successione Austriaca (1740-1748). Nel 1744 i soldati di Luigi XV discesero lungo la Val Varaita e vennero bloccati con difficoltà dagli uomini di Carlo Emanuele III, attestatisi sulle pendici del Monte Cavallo. Tra il 18 e il 19 luglio, tuttavia, la linea difensiva piemontese su sopraffatta e gli invasori poterono avanzare fino a Cuneo, che fu posta sotto assedio.
Il panorama dalla Punta della Battagliola comprende il Pelvo d’Elva, la Testa dell’Autaret, il Monte Pietralunga, il Colle dell’Agnello e il Pan di Zucchero, il Monviso e il solco della Val Varaita.