Home page
Mappa locale
Istruzioni

Version française
English version
Immagine più grande

Punta Calabre

   

Collegamenti disponibili:
Aiguille Pers
Becca di Traversiere
Col Pers
Monte Taou Blanc
Punta Basei
Punta di Galisia
Roc del Fond

01/06/2002. Quota m 3445. Testo e foto di Beppe Busso.
Maggiori informazioni su http://www.vdaoutdoor.it/gitesci/calabre/Calabre_01.htm
La grandiosa mole della Punta Calabre chiude l'orizzonte in direzione S-SO e, anche se in secondo piano e lievemente oscurata dall'imponente parete rocciosa della Granta Parei, impone la sua attenzione a chi scruta il circo ghiacciato della splendida Val di Rhêmes.
La Punta Calabre è un'ascesa prettamente sci-alpinistica, non fosse altro per la lunghezza dell'itinerario, che obbliga ad una sosta intermedia al Rifugio Benevolo. La favorevole esposizione del ghiacciaio di Tsanteleynaz a N-NE favorisce il mantenimento del manto nevoso in eccellenti condizioni anche in primavera avanzata. Spesso si arriva in vetta con gli sci, mentre il traffico automobilistico è gia aperto sul Colle dell'Iseran, posizionato sul versante opposto. La discesa, peraltro godibilissima e molto facile, è incentivo per coloro i quali vogliono provare un grande itinerario su ghiacciaio.
Salire alla Calabre significa godere degli immensi spazi ghiacciati della calotta terminale (topograficamente parlando il ghiacciaio di Soches), oltre che poter abbracciare in un unico sguardo angoli inconsueti della Valle d'Aosta, del Piemonte e dell'Alta Savoia. Notevole la vista sul Gruppo del Gran Paradiso, sulla Tsanteleynaz, Becca della Traversiere, Granta Parei e la dorsale che separa la Val di Rhêmes dalla Valgrisenche e tutte le vette ghiacciate dell'alta Val di Rhêmes.